creatività, intelligenza, stupidità, populismo, giornalismo, informazione, etica, politica, ecologia, capitalismo, comunismo, anarchia, civiltà, arte, cultura, psicologia, sociologia, filosofia, televisione, TV, giustizia, volontariato, futuro, globale, Onu, religione, neo-machiavelli | neo-machiavelli, creatività, intelligenza, informazione, TV, politica, etica, giustizia, | Il Cannocchiale blog
.
Annunci online

Ebooks di "Neo-Machiavelli" in italiano, (PiresPortugal in altre lingue) TIL=Time is Life=Tempo è Vita: Intelligenza, Creatività, Emozione, Informazione, Cultura e Volontariato (Italian Edition) Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.

 

 

Merken

 

Merken

CULTURA
24 giugno 2010
Dignità di Laura Antonelli, politica machiavellica di Lino Banfi, Sandro Bondi, Corriere della Sera, Sandro Mayer, Di Più, … Civiltà, politica e giustizia di un Neo-Machiavelli e vostra, (s6m, cao, b4g)

Un attore molto popolare trova ingiusto che una star sex simbolo viva con solo €510 al mese. Il giornale più popolare pubblica una lettera. Laura Antonelli, con più dignità del popolare attore e popolare giornale dice che vive bene cosi e non vuole niente, molto meno prime pagine dei giornali. Sandro Mayer, nel più popolare settimanale scrive un editoriale per contentare a tutti, quelli che pensano che sono molti peggiori che hanno più bisogno e quelli buoni con soldi degli altri… Laura Antonelli e Lino Banfi - Forum Politica.

Un attore popolare difende una star sex simbolo, il giornale più popolare pubblica, il politico populare decide agenda politica per quello che è più popolare. Ma il più popolare è più giusto, intelligente, ettico e di buon senso di giustizia? Dignità o bontà parziale per il gruppo di appartenenza con soldi dei più poveri?

Secondo voi:
1)   Giusto l’appello e la dignità di Lino Banfi, Corriere e 3 o 4 volte la pensione minima per un sex-simbolo. APPELLO BANFI: SALVIAMO LAURA ANTONELLI - VIVE CON 500€ AL MESE ...
2)   Giusta la dignità di Laura Antonelli che ha valori più etici e giusti da chi la vuole privilegiata: Laura Antonelli: dimenticatemi "Voglio solo vivere serena"Laura Antonelli: dimenticatevi di me - Corriere della Sera.
3)   Certi politici di destra fanno ricordare il governo di Prodi quando l’agenda politica era condizionata delle prime pagine e del blog di Beppe Grillo, il ministro della giustizia ha fato un blog per rispondere a Grillo, 60 milioni di consumatori di cellulare credano vincere una battaglia contro 4 compagnie di telefonini.Sandro Bondi - Ministero ai Beni Culturali e Turismo - Governo ...Politica : Bondi conferma l'interessamento per Laura Antonelli ...Ministro Bondi: presto procedura Bacchelli per Laura Antonelli ...
4)   Sandro Bondi, Berlusconi e questo governo potevano salvare 50.000 bambini morti di fame e fare più felice 50.000 genitori che le vogliano adottare e non possano per la legalità cultura e stupidità della politica di adozioni. Questo sarebbe una politica più etica, giusta e intelligente della pensione di Laura Antonelli passare di 510 per circa €2.000.
5)    La legge Bacchelli, può essere giusta per la persona giusta. Non per chi trova più importante vivere con la dignità di una pensione di €510 senza più riflettori che una pensione da privilegiata per il passato di sex-simbole.
6)   Altro?
   
(1) Laura Antonelli - Wikipedia: Il 3 giugno2010 il popolare attore Lino Banfi lancia un appello dalle pagine del Corriere della Sera scrivendo al presidente del consiglio Silvio Berlusconi e al ministro per i Beni e le Attività CulturaliSandro Bondi, chiedendo aiuto per l'amica, che si trova in una situazione di difficoltà. Dei 664.000 risultati per Laura Antonelli: L'appello di Lino Banfi: aiutiamo Laura Antonelli, dimenticata da ...Laura Antonelli: dimenticatevi di me - Corriere della Sera, Laura Antonelli, ma come ti sei ridotta? - StarletTime.
POLITICA
27 luglio 2009
Abba, ladro eroe all’italiana, culto dei ladri e criminali, Sandro Mayer, Di Più, 1.100.000 vendite, gloria o vergogna d’Italia?

"Di più", il settimanale diretto da Sandro Mayer con 1.100.000 di vendite, forse il più popolare, dedica in questa settimana una pagina ad Abba, con la priorità alla versione più populista di una civiltàMAFI0SAcriminale, con le parole del padre del LADRO MORTO PER RUBARE, IN SEGUITO A UN LITIGIO CON AGRESSIONE DI PARTE A PARTE FRA 2 VITTIME DEL FURTO DI ABBA E ALTRI 2 COMPLICI.

Le versioni più populiste del fatto non menzionano l’aggressione della parte dei complici del ladro, preferiscano dare la versione dei mostri commerciante che ammazzano un ragazzino per rubare biscotti. La versione dei commercianti è differente: credevano che rubasse l’incasso e sono stati anche loro aggrediti.
Due commercianti che hanno ammazzato un ladro sono stati condannati a più di 15 anni, quando la media di carcere per assassini è di 7 anni. La rivista più popolare d’Italia da voce alle parole del padre per dire che meritavano di più e non da voce alle vittime dei ladri. Gloria o vergogna di una cultura e civiltà più civile con ladri che ammazzano per rubare che quelli che ammazzano per difendersi dei ladri?       
Questo caso mi ha fato ricordare altri che ho pubblicato con il titolo “Culto dei ladri e criminali di un’Italia buona … tropo buona, tropi volte, per pochi:
Un ladro è arrivato alle prime pagine dell’informazione per la freddezza con che ammazzava per rubare e difendersi. Ha ammassato un carabiniere che le domandava i documenti e aveva ammassato altri per altre futilità. Muore quando puntava l’arma a un innocente ostaggio. L’Italia buona lo difende e considera mostro il poliziotto che lo ha ammazzato. Una persona che lo aveva riconosciuto e lo ha denunciato è stata minacciata di morte nel forum www.italia.indymedia.org . Pero quello che mi ha sorpreso di più è stato vedere l’editoriale di Sandro Mayer, della più popolare rivista settimanale: “Di Più”, (1.000.000 di vendite), alla sua difesa. Se il direttore di una pubblicazione non aveva avuto la sensibilità della maggioranza italiana non diventava la rivista più popolare e più venduta. E questo mi fa pensare che sono uno straniero che non capisce niente della sensibilità di certa Italia.
Un commerciante de Milano ha ammassato un ladro albanese in una rapina. Nella prima pagina del giornale più popolare d’Italia: “Corriere della Sera” compare un’intervista alla madre a raccontare come suo figlio era buono, usava una pistola finta, rapinava in Italia per mandare soldi alla madre che è professore pero guadagna poco nel suo paese …
Il TG5, il più popolare Tg d’Italia, ha dato molto tempo al funerale del ladro che è morto quando rapinava copie in macchina con altre due complice. La pistola sembrava vera pero era falsa. Applausi di molta gente di quella Napoli dove pochi giorni prima 400 donne hanno difeso boss mafi0si quando la polizia le prendeva. Per certa Italia tropo “buona” per i miei gusti il ladro sembra un eroe martire e il carabiniere che lo ha ammassato sembra un mostro. Nello stesso giorno, (2005-02-09), nella Rai ho visto uno dei più famosi ladri degli ultimi tempi intervistato come un eroe: ha iniziato la carriera rapinando una pellicceria per conquistare la fidanzata regalandole una pelliccia … passato la vita a rubare … condannato e amnistiato … “ha pagato” con la galera … Mi rivolta questo trattamento ai ladri e criminali come se fossero degli eroi e mi sembra una vergogna considerare pagato per stare in galera a vivere degli innocenti, costando alla società più di stare in un albergo di cinque stelle. Costano di più per la sicurezza, per la salute, per i danni che causano anche in galera … e dopo che sono costato alla società più che salvare la vita di 10, 100 o 1000 innocenti considerano che “abbiano pagato” alla società per il male che hanno fato.
 

PAUL GETTY E L` ORGASMO DEL SOCIOLOGO

televisione
12 novembre 2008
Renato Brunetta in primo piano e Neo-profeta per una Neo-Italia

Ho visto Renato Brunetta “in primo piano” di Rai1 e mentre lo sentiva, pensava che sia stato il migliore politico a collocare in pratica quello che io considero prioritario per una Neo-Italia: meritocrazia, civiltà di collaborazione di tutti cittadini, proprio al contrario dell’omertà della civiltàMAFIOSA e no-delazione di gente per bene, che ho trovato anche nella migliore personalità dei migliori programmi di TV, (Tina Lagostena Bassi, Grillo e la civiltà mafiosa di gente per bene o politicamente corretta).
Anche nei direttori e editoriali delle più popolari pubblicazioni, (Di Più), ho trovato quello che io considero la peggiore vergogna della vecchia Italia, la civiltàMAFIOSA, più civile con mafiosi e criminali che con le sue vittime.
Brunetta ha detto che bisogna trasformare 60 milioni di
consumatori dei servizi pubblici per i quali tutti contribuenti pagano 300 miliardi anno in collaboratori per una migliore amministrazione pubblica.
Immagino una Neo-Italia con la meritocrazia e civiltà di collaborazione di tutti cittadini nella politica, giustizia, cultura,TV, informazione, web, …

La prossima priorità è fare arrivare il metodo Brunetta nella giustizia.

PiresPortugal, (Neo-profeta, Neo-Machiavelli , Avvocato del Diavolo , Curriculum, NeoITALIANO.

Chi sono… )

Per saperne di più: neo-giustizia, lis, (lis=legalità, ingiustizia, stupidità,) liis, (liis=legalità, ingiustizia, immoralità, stupidità ), g3m, g3o, pocc, (pocc=più onesti, contribuenti, consumatori), zingara, Stalin, Neo.

sfoglia
  
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte