Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Civiltà, opinione pubblica, giustizia, legalità o stupidità?

Ho selezionato le idee che mi sembrano migliore degli ultimi tempi:

Mi sembra che il sentimento più populista è la “civiltà” con assassini e criminale molto superiore a quella con innocenti e con le sue vittime. Non sarebbe più civile e intelligente salvar bambini morti di fame che pericolosi assassini, mafiosi e terroristi? >>> permalink

Sconvolgente il rom che diventa famoso per ammazzare 4 ragazzi, passa dei campi rom per una residenza di lusso con vista su mare e riceve proposte di €3.000 per comparire in discoteche: >> Pubblicità con cattivi modelli, mostri e assassini che diventano idoli, pedagogia, giustizia, legalità o stupidità? Osama Bin Ladem proclama orgoglioso la responsabilità dei 3.000 morti innocenti e ha più diritto de prime pagine con nuove minacce che il Papa a domandare pace, perdono, giustizia. permalink |

Certe persone e certe comportamenti mi fanno cosi schifo che evito dire il suo nome per non contribuire a trasformali ancora di più in famosi idoli, immolazione dei cattivi modelli. La chiamerò con l’iniziale de quello ripresentano per me: Laevi=ladro, assassino, eroi della vecchia Italia, >>>permalink .

Mentre vedeva “Il capo dei capi”, ho immaginato una civiltà più civile con le vittime della mafia e criminalità che con assassini e terroristi. Ho immaginato l’esistenza della pena di morte, non come fanno in molti paesi del mondo, ma solo condizionale, solo per assassini confermati e che non volessero collaborare. Ho immaginato che se Prodi, D’Alema, Bonino, Pannella, e altri politici facevano per salvare innocenti quello che fanno per salvare terroristi e assassini, per un assassino al quale era applicata la pena di morte si potevano salvare più di 1.000 innocenti. La priorità a salvare assassini che innocenti morti di fame è vittoria o vergogna della civiltà mafiosa? >>> permalink.

Non mi piace vedere la giustizia a disturbare politici per apparire in TV e giornali. Pero peggio ancora se la politica non lascia la giustizia investigare su corruzione politica. Ho l’impressione che politica, giustizia e forze del’ordine dovevano essere uniti e collaborare nel combattere mafia, criminalità e corruzione, incluso dentro di loro, non fare squadra con potere per scambio di favori personali e non della collettività. >>>permalink

Marx aveva ragione quando diceva che le infrastrutture condizionano le superstrutture ... per parole semplice i soldi condizionano la politica e giustizia ... “Sono finalmente nella disponibilità dello Stato italiano i 94 milioni di euro sequestrati dal gip Clementina Forleo a Giampiero Fiorani … sulla stessa Clementina Forleo il Procuratore generale della Cassazione ha deciso nei giorni scorsi di promuovere un'azione disciplinare…”

“Per la prima volta due magistrati, Forleo e De Magistris, vengono " puniti " per la loro intromissione giudicata di stampo più politico che giuridico...”

Quello che mi sembra in tutta questa Storia è la guerra fra poteri dove la "legalità" conta più della verità e giustizia. “La giudice Forleo, colpevole di voler indagare su D'Alema e Fassino, è finita sotto inchiesta… Fosse stato Berlusconi, lei sarebbe sugli altari (Santa Subito!),...” >>>permalink .

Ogni rivoluzione e ogni guerra produce violazione de diritti umani, ingiustizie secondo un punto di viste, giustizia secondo altro, legalità secondo una legge, ingiustizie secondo altre… Al finale quasi sempre un piccolo magistrato condizionato dei grandi avvocati finisce per fare ingiustizia della peggiore, quella al servizio de chi se può pagare grandi avvocati, dei più ricchi, di quelli che hanno meno bisogno. Quanti milioni de vittime che non si possano pagare piccoli avvocati meritano più risarcimento dei Savoia? Giustizia, legalità, stupidità o ingiustizia della peggiore: soldi dei poveri contribuenti per vizi dei ricchi? >>> permalink.

Per me "è veramente rivoltante" pagare con le mie tasse 150 milioni per la sicurezza contro violenti, reazionari, stupidi no-global, più 50 milioni per i danni che hanno causato, più 8 milioni per un processo che solo contribuisce ad aumentare l'ingiustizia. >>>permalink .

Con la cattura di un boss mafioso é stato trovato un libro di etica del buon mafioso: dire sempre la verità fra loro.Mi viene in mente l’etica dei grandi avvocati guerrieri delle peggiori ingiustizie al servizio dei grandi boss della mafia: é loro dovere “etico” non dire la verità se non al servizio dei suoi cari clienti, al servizio delle peggiori ingiustizie. Nella maggior parte dei tradizionali sistemi di giustizia, in particolare in Italia, la priorità è la conformità con le leggi "uguale per tutti". In pratica, non è mai stato, non credo che le leggi uguali per tutti siano sempre giuste e nella pratica i grandi avvocati condizionano piccoli giudici per applicare le leggi di forme molto diseguale al servizio dei peggiori criminali. Molte vecchie leggi del 1800 sono ricordate solo dei grandi avvocati per rispettare i diritti umani dei criminali, mafia e terrorismo, con pochi diritti delle loro vittime. Il miglior rimedio sarebbe una giustizia efficace. In altre parole, la giustizia dovrebbe dare la priorità l'efficienza, l'istruzione e la punizione dei criminali, l'indennizzo delle vittime, la sicurezza sociale. Ma la vecchia giustizia tradizionale, con “piccoli” giudici "grandi" avvocati, dà priorità a soddisfare le leggi del 1800 con metodi dal 1700 al servizio dei clienti che possano pagare i grandi avvocati e condizionare la giustizia. La superiorità economica degli avvocati è la principale condizionante della sua superiorità, al servizio delle peggiori ingiustizie.Per grandi boss della mafia e grandi criminali assassini dei quali non c’è dubbio la prima cosa sarebbe il sequestro dei beni per risarcire vittime e società. Per assassini e grandi criminali dei quali non c’è dubbio più grandi sono gli avvocati, più dura il processo, peggiore è l’ingiustizia: i più onesti contribuenti pagano per magistrati, tribunali e avvocati aumentare l’ingiustizia. >>>permalink .

Civiltà terrorista: l’assassino de Walter Tobagi ha passato poco più di 2 anni in carcere. Non è stato un accidente involontario come quello che ha ammazzato il cane, ma volontario, ammazzato perché scriveva contro terrorismo, mafia e criminalità. Ha pagato tanto alla famiglia di Walter Tobagi come quello che ha ammazzato il cane? Etica e giustizia o legalità della vecchia civiltà terrorista? Quanti mafiosi e terroristi hanno pagato alle famiglie delle sue vittime quanto il conduttore ha pagato per ammazzare involontariamente un cane? Etica e giustizia o legalità della vecchia civiltà mafiosa? >>>permalink .

Da bambino … ricordo che non mi sembrava giusto che non lavorassero e vivessero del lavoro degli altri. La mia immagine degli zingari è stato per molti anni di un male minore al quale se doveva dare da mangiare per evitare il peggio. >>>permalink.

“È COME IL NOSTRO SANTO PROTETORE” – giovani parlando del boss mafioso Raffaele Cutolo. Da quella puntata che mi ha fato tanto schifo, (“Santa immacolata” sposa bianca del boss mafioso Raffaele Cutolo, nelle “storie maledette” della civiltà mafiosa ), proprio il più schifoso è stato riprodotto da Blob, Rai3, 2007-11-07, 20.13. Solo parole positive, venerazione, ammirazione per il boss mafioso che dava lavoro a 5-7.000 criminali. Nessuna parola negativa, nessuna lacrima delle vittime, per no togliere l’incanto dell’eroe della civiltà mafiosa. Nessuna parola su i rifiuti bruciati a Napoli per strada con costi doppi da dove non comanda la mafia. >>>permalink .

Più si è bravo in marketing e posizionamento dell’informazione per essere trovata dei motori di ricerca e web-navigatori può essere di grandi utilità sociale o di danni globali astronomici. Per questo penso che il marketing debba essere un’investigazione di altro valore etico, con tendenza ad essere una scienza globale standard, finanziata, promossa e controllata per una Neo-ONU o Web-ONU che stabilisce norme etiche e di buone condotta Web-globale per il massimo di utilità con il minimo de danni. >>>permalink.

Ricordo Santoro dire che aveva più libertà in Mediaset che in Rai. Adesso ha libertà dell'informazione che le piace solo anti-Berlusconi? Il vero scandalo è stato l'editto bulgaro o di fare scandalo di un’opinione di Berlusconi su l'uso criminale di un’informazione pubblica anti-Berlusconi? >>>permalink

Quando ho sentito le accuse della Forleo a D’Alema ho pensato che voleva lavare faccia della sua immagine de toghe rosse o diventare populista per attaccare il potere… Adesso sembra che la giustizia la perseguita per l’uso “illegale” di certe intercettazioni… Per la vecchia giustizia tradizionale interessa se certe intercettazioni sono legale o illegale. A me interesse se sono al servizio della verità e giustizia o ingiustizia? >>>permalink

Pubblicato il 2/12/2007 alle 13.27 nella rubrica PPPP-ELPPP-giornalismo del futuro.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web