Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Papa Benedetto XVI, Chiesa, Amnesty, ONU, aborto, diritti umani, eutanasia, adozioni e morti di fame

Secondo Benedetto XVI: «le discussioni internazionali sembrano caratterizzate da una logica relativistica che vorrebbe considerare come sola garanzia di una pacifica coesistenza tra i popoli un rifiuto di ammettere la verità sull’uomo e la sua dignità, senza dire nulla sulla possibilità di un’etica fondata sul riconoscimento di una legge morale naturale. Ciò ha condotto, in realtà, all’imposizione di una nozione della legge e della politica che alla fine genera consenso tra gli Stati - un consenso condizionato da interessi di breve termine o manipolato dalla pressione ideologica - considerato l’unica vera base delle norme internazionali … I frutti amari di questa logica relativistica … la mancanza di preoccupazione per i bisogni economici e sociali delle nazioni più povere; il disprezzo per la legge umanitaria e la difesa selettiva dei diritti umani …promuovere come un insieme quei principi etici che, per la loro natura e il loro ruolo di fondamento della vita sociale, rimangono non-negoziabili» >>> Il Papa: "Il relativismo morale domina l'Onu".

Se muoiano 6 milioni di bambini di fame e se sembra che nel futuro moriranno di più avrà senso dare priorità a impedire l’aborto e eutanasia? I diritti per le famiglie tradizionali non contribuisce a meno diritti degli omosessuali o impossibilitati di avere una famiglia?

Pubblicato il 2/12/2007 alle 14.43 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web