Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Obama, Berlusconi, satira, Bonolis, pena di morte, TV, democrazia, sondaggi, verità e populismo della bugia

Non ricordo di ridere tanto della satira come oggi al TVTALK con un imitatore di Obama: “Che cosa ho fato nel mio governo? Niente! …  Ho promesso di chiudere Guantanamo e che ho fato? Niente! Ho promesso di finire la guerra in Afghanistan e adesso è peggio …”

Questa satira è stata fata ancora prima di Obama ricevere il premio Nobel per la pace. Ma proprio quando Obama è nel massimo di riconoscimento delle elite del Nobel diventa popolare la satira come se fosse il contrario del premio.
Ho visto a Rai3 una selezione di satira degli ultimi giorni e era quasi tutta contro Berlusconi. Più una persona è intelligente più altri meno intelligenti si divertano a considerare stupidità vere o presunte.  
Bonolis è stato considerato il più popolare della TV nel 2005. I due principali momenti di TV più popolare dei suoi programmi mi sembrano due bugie molto popolari in Italia:  
1.   Hanno votato: “Basta Berlusconi e politici che dicano e non fanno”. Verità o bugia? Secondo me Berlusconi è uno dei politici che ha fato de più. Ricordo giornalisti che seguivano la sua attività politica e la consideravano veramente fora del comune: poche ore di suono e attività politica di presto mattina fino a tardi: due o tre de note.
2.   Del programma de Bonolis “il senso della vita”, la parte considerata più popolare è stata con un condannato a morte dove Bonolis ripete che se considera innocenti per quelli reati. Ma non dice che il condannato a morte ha confessato di avere ammazzato decine di persone innocenti. Questa verità toglieva emozione al populismo anti-americano che vuole vedere la barbarie degli americani.
Il programma più popolare dell’anno 2005 sembra essere stato Rockpolitik e de questo il più popolare sembra essere stato quando Italia è stata considerata con poca libertà d’informazione. Nel programma sembra che la colpa è stato di Berlusconi ma in realtà è stato proprio la condanna giudiziaria de un politico del suo partito. Secondo me la verità è proprio il contrario: Berlusconi ha contribuito molto per la libertà d’informazione, anche Santoro ha detto che aveva più libertà da “Mediaset”. Molti di sinistra dicevano che Berlusconi controllava 90% delle TV ma lui rispondeva che non controlla niente dopo entrare in politica e 80% di Rai era contraria alla sua politica e al suo governo,  (3). Adesso hanno fato una manifestazione detta per la libertà d’informazione ma in realtà contro Berlusconi e proprio Emilio Fede con il Tg4 è stato l’unico a seguire in diretta la manifestazione.    

A me sembra incredibile questo sondaggio: “Il G8 di Genova: DISCUSSIONE DAL 27/07/01 AL 27/09/01 Esprimete la vostra opinione riguardo agli avvenimenti del G8 a Genova che tanto hanno scosso il nostro paese. G8 di Genova: da che parte stai? Forze dell'ordine: 10%; Manifestanti: 86%”. http://www.emiliofedefanclub.it/ . L’autorità de Forze dell'ordine non è mai popolare. Ma in Italia me sembra il cumulo del populismo irragionevole: poliziotti più condannati dei veri criminali, dopo essere stati forzati a una guerra per la quale non erano preparati. Le Forze dell'ordine sono state obbligate a 12 ore di lavoro in continuo stress de pericolo de vita. Questo ha accumulato una aggressività fora del comune difficile da controllare da persone normali. I manifestanti violenti hanno causato 50 milioni di danni che pagano i più onesti contribuenti e le vittime. Nessuno ha pagato niente. Se sono divertiti e noi paghiamo i suoi danni, i 150 milioni per la sicurezza che non sarebbero necessarie senza di loro, 8 anni di processo alle Forze dell'ordine, altre che le sostituiscano, questi giudici, questa ingiustizia della giustizia solo contro Forze dell'ordine. Secondo me, il trattamento del G8 de Genova in certa informazione e opinione pubblica, la condanna delle Forze dell'ordine e beatificazione del marginale delinquente rimenerà per la Storia come il peggiore delle democrazie: il populismo della violenza degli stupidi e ignoranti delle piazze contro il dialogo degli 8 migliore rappresentante delle migliori democrazie.

Pubblicato il 10/10/2009 alle 18.25 nella rubrica TV-PTV.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web