Blog: http://neo-machiavelli.ilcannocchiale.it

Pedofilo, profeta maledeto o rivoluzionario che il futuro riconoscerà?

Nel 2010 ho scritto un ebook con quello che mi sembrava essere il migliore per il futuro de Italia e del mondo.

Un politico berlusconiano che lo ha letto mi ha detto che se fosse pubblicato come era io andava in galera. Ho pensato che veri criminali e peggiori mafiosi entravano nelle 95% delle prescrizione ma per un profeta che critica il peggio poteva arrivare la galera o un processo per pagare €280.000 per diffamazione di un magistrato.

Nel 2011 grande parte del tempo dei politici, magistrati e opinione pubblica italiana è stata occupata per eliminare Berlusconi del potere. Se fosse eliminato per corruzione o inefficienza politica tutto quello tempo occupato contro Berlusconi poteva avere un senso. Ma è stato eliminato quando aveva creato il governo più efficiente contro la mafia dopo Mussolini.

Immagino che se il mio ebook fosse pubblicato nel 2010, io andasse in galera, causasse uno scandalo e io diventasse famoso, comparivano altre versione migliore scritte pro e contro le mie idee. E il tempo migliore usato che per il sesso di Berlusconi e Ruby?

Immagino che un giorno il mio ebook possa essere scoperto da uno giornalista o scrittore che se interessa a selezionare le migliore idee, cancellare le peggiori, per una nuova versione in migliore italiano.

Questo giornalista poteva essere Felice Manti? Avrà letto una delle mie versione “censurate” che le ho inviato? Fantasie ridicole o profezie per il futuro? Un giorno potrò usare queste fantasie per fare satira su me stesso? O per un ETI=extraterrestre turista in Italia? O per un film comico con uno maniaco depressivo bipolare che vuole cambiare il mondo ma non passa da un ridicolo Don Quichoto del 2011? O um fime comico con un profeta anti-mafia accusato di mafioso? O un rivoluzionario che vuole salvare 6 milioni di bambini morti di fame acusato di essere pedofilo?

Pubblicato il 6/11/2012 alle 12.20 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web